Raccolta Differenziata

Cos’e’ la Raccolta Differenziata?
Consiste nel raccogliere separatamente alcuni tipi di rifiuti con lo scopo di rendere più conveniente e più sicuro il loro successivo smaltimento e riutilizzo.
La raccolta differenziata risulta utile per ottenere almeno due vantaggi:
recuperare risorse dai rifiuti ottenendo così risparmio di materie prime e riduzione della quantità dei rifiuti da smaltire evitare la dispersione incontrollata nell’ambiente di rifiuti contenenti sostanze tossiche che possono costituire un pericolo per l’uomo.

Classificazione dei rifiuti

I Rifiuti Urbani
I rifiuti domestici anche ingombranti
I rifiuti provenienti dallo spazzamento delle strade
I rifiuti di qualunque natura o provenienza, giacenti sulle strade ed aree pubbliche
I rifiuti vegetali provenienti dalle aree verdi, quali giardini, parchi ed aree cimiteriali

I Rifiuti Speciali
I rifiuti da lavorazioni industriali
I rifiuti da attività commerciali
I rifiuti derivanti dalla attività di recupero e smaltimento di rifiuti, i fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque, dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento di fiumi
I rifiuti derivanti da attività sanitarie
I macchinari e le apparecchiature deteriorati ed obsoleti
I veicoli a motore, i rimorchi e simili fuori uso e loro parti

I Rifiuti Urbani Pericolosi
Le pile
I medicinali scaduti
I frigoriferi
Le batterie
Prodotti etichettati T e/o F

I Rifiuti Speciali Pericolosi
Sono quei rifiuti che contengono al loro interno una elevata concentrazione di sostanze inquinanti, devono quindi essere sottoposti ad un trattamento che ne riduca drasticamente la pericolosità.
Derivanti da industria chimica, metallurgica, fotografica, conciaria e tessile
Derivanti da raffinazione del petrolio
Provenienti da ospedali, case di cura e affini
Oli esauriti e solventi

Alcuni rifiuti vengono raccolti per essere riutilizzati, altri invece vengono raccolti perché se lasciati abbandonati nel terreno provocano grossi danni rilasciando sostanze pericolose.

E’ una soluzione ecologicamente vantaggiosa e se perseguita con convinzione lo sarà anche economicamente. Da oggi tutti noi possiamo fare qualcosa per l’ambiente.
Un chilo di spazzatura domestica e’ costituito da un 37% di rifiuti organici (alimentari), da un 7% di carta, cartone e affini, legno e altro, da un 9% e più di plastiche, da un altro 30% di materiali vari con molto vetro e da un 10% di metalli.